Riflessologia plantare Prato: i punti Chakra

Riflessologia plantare Prato: conosci i punti chakra?

La cultura orientale considera i punti chakra come centri dove scorre l’energia del corpo umano.

Secondo la cultura orientale ogni corpo è composto da differenti livelli energetici sia fisici sia sottili.

I buddisti sostengono che la nostra esistenza non sia solamente quella corporea, ma vada ben oltre la fisicità.

Il corpo sottile (corpo di “vajra”) è regolato da flussi energetici sottili che sono distribuiti lungo canali e all’interno di centri di energia (“chakra”).

L’energia contenuta nei chakra ci permette di vivere il lato intellettuale ed emotivo della nostra vita.

Riflessologia plantare Prato: come si può aprire un chakra?

Quando si sente la frase “un chakra si è aperto” vuol dire che si è attivata l’energia presente all’interno del chakra stesso.

Come si può aprire un centro energetico? Le strade sono diverse:

  • la meditazione,
  • le scelte della vita,
  • la stessa esistenza.

Concentrarsi su un singolo chakra permette di vedere il colore a esso associato. Ogni chakra, infatti, ha una tonalità precisa.

Una volta che si sono sviluppati molto bene, i chakra sono in grado di rilasciare energia che si tramuta in piacere sessuale e creatività.

I chakra sono sette:

I chakra sono sette e sono:

muladhara (chakra della radice) – colore: rosso;

II svadhistana (chakra splenico) – colore arancio;

III manipura (chakra del plesso solare) – colore giallo;

IV anahata (chakra del cuore) – colore verde;

V vishuddha (chakra della gola) – colore azzurdo;

VI adjnia (chakra del terzo occhio) – colore indaco;

VII sahasrara (chakra della corona) – colore viola;

Se desideri approfondire le tue conoscenze sul mondo dei chakra e scoprire quali possono essere i benefici della loro apertura, contattaci.

Organizziamo ogni mese corsi di meditazione e di rilassamento che possono esserti molto utili nei momenti negativi.

Compila il form che trovi nella sezione contatti con i tuoi dati, risponderemo il prima possibile.